giovedì 22 giugno 2017

DENUNCIAMO IL FEROCE ACCANIMENTO DELLA DITTATURA CONTRO LA FAMIGLIA GANDINI DI FERRARA: I NOSTRI CANI TUTTI UCCISI PER VENDETTA-RICATTO, COME LA NOSTRA FAMIGLIA!

Tutti uccisi dalla mafia (autorità e politici) per vendetta contro la famiglia Gandini di Ferrara.
Tata; Pallina; Martina detta Calimero; Titty; Romy; Brenda.
 
Anche questa Denuncia finirà nei cestini della spazzatura della PROCURA e del TRIBUNALE, ma questo non fermerà LA VERITA'!
PREMESSA: I nostri cani sono sempre stati in casa! Uscivano solo al guinzaglio e con la museruola perché non raccogliessero niente di velenoso e mai fuori in strada! Non sono mai stati soli né fuori casa né in giardino! Il problema è che la nostra famiglia è stata presa di mira dalla mafia-dittatura (autorità e politici) e tra le tante vendette per ottenere "pizzo" ed estorsioni varie, mandavano in casa nostra, abusivamente, alcuni individui per avvelenare i cani, più e più volte, approfittando di quelle poche ore in cui eravamo a fare la spesa, il sabato, mentre i nostri cani ci attendevano chiusi in casa! In certi luoghi il cane non puoi portarlo; quale posto migliore se non in casa?! Contro la dittatura non ci si può difendere perché ha TUTTO e TUTTI in pugno! E tutti i cittadini ubbidiscono agli ORDINI, collaborando attivamente per farci tutto il male possibile!

 
 
                                                    

                              PROCURA DELLA REPUBBLICA
                         PRESSO IL TRIBUNALE DI FERRARA
                                       DENUNCIA QUERELA
I sottoscritti fratelli:


Alessandra Gandini nata a Ferrara il ...  residente a Mirabello (Fe), Via ... ;
Alessandro Gandini nato a Ferrara il ... residente a Mirabello (Fe), Via ... ,
 
ESPONGONO QUANTO SEGUE:
 
PREMESSA:
Da generazioni continuiamo a subire il cosiddetto "congelamento mafioso", in cui ogni cittadino viene raggiunto da ORDINI perentori contro la nostra famiglia, e che si traduce nell'imposizione di VENDETTE al fine di ESTORSIONE.
 
NOTA DI RILIEVO n. 1:
Tutto quanto descritto sopra accade per un motivo ben specifico: la nostra famiglia è da sempre vittima di episodi di questo genere, che si verificano in varie situazioni: siamo vittime del sistema, dei governanti e delle autorità in genere, le quali si avvalgono di determinate persone per mettere in atto le loro vendette nei nostri confronti, al fine di ottenere denaro da noi, anche attraverso azioni estorsive.
Concludiamo affermando che per questi motivi siamo in pericolo di vita, siamo costretti a subire continue minacce e vendette rivolte anche ai nostri beni. Ovunque dobbiamo subire il congelamento mafioso come vendetta e non ultima, lomertà.
Da intere generazioni siamo costretti a subire angherie, maltrattamenti,
soprusi, danni, minacce, percosse e omicidi occulti, senza motivi e senza ragioni!
Siamo in grado di presentare prove di quanto affermato e documentazione in merito, che in piccolissima parte accludiamo a questa Denuncia.
Per quanto esposto,
 
                                             Pag. 1



 
TUTTI I CANI DELLA NOSTRA FAMIGLIA, SEI (6), SONO STATI AVVELENATI E UCCISI BRUTALMENTE CON CRUDELTA’ ESTREMA, PER VENDETTA.

 

Nell’anno 1979 abitavamo con la nostra famiglia, in Via Mulinetto 76 a Ferrara, dove nostro padre, Luigi Tarquinio Gandini, fu picchiato da un vicino di casa, Alessandro Bulgarelli, per futili motivi: era infastidito dalla nostra cagnolina di razza “Pincher“, Tata. La questione finì al Tribunale di Ferrara e il Bulgarelli subì una condanna.


 

Circa venti anni dopo andammo ad abitare nella nuova casa di Via Alessandro Volta 71 a Ferrara, dove, nel corso di alcuni anni, furono avvelenati con dicumarinici (topicida, veleno per topi), la stessa cagnolina razza Pincher, Tata; qualche anno dopo fu uccisa Martina detta Calimero, razza “meticcia“; successivamente, anche Titty, una cagnolina di piccola taglia, razza “Pechinese“, subito dopo averla acquistata, subì la stessa sorte in più occasioni. Poi acquistammo Romy, razza “Bassotto“, che trovò morte atroce a seguito di questi continui avvelenamenti, di cui sotto denuncia. A seguire Pallina, razza “meticcia“, per terminare con Brenda, razza “Beagle“, avvelenata svariate volte mentre ancora abitavamo in Via Alessandro Volta a Ferrara, e altrettante dopo il nostro trasferimento, anni dopo, nell’abitazione di Mirabello (FE) sita in Via ... . Brenda era stata anche rinchiusa brutalmente al canile comunale di Via Gramicia a Ferrara, su ordini dei carabinieri della caserma di San Bartolomeo in Bosco (FE),

capitanati dal maresciallo Vincenzo Bilardo, dove fu oggetto di percosse: fatto appurato anche dal veterinario dott. Mauro Bolognesi di Ferrara con studio in Via Squarzanti 21, al quale ci affidammo per le cure del caso.

Brenda è comunque giunta ad una morte terribile in data 27 Ottobre 2014 per emorragia interna, a seguito del disinteresse da parte dei veterinari presso i quali avevamo chiesto assistenza, i quali avevano sempre ricevuto ORDINI di non curarla, come VENDETTA

 
Il comportamento poi, di determinati personaggi facenti parte delle autorità, ci ha portati a riconoscere la provenienza di tali ORDINI e INGIUSTIZIE, TOTALMENTE SECRETATI NELL'OMERTA' PIU' ASSOLUTA.
E come tutti i medici hanno Ordini di non soccorrerci presso la nostra abitazione, nemmeno per questioni gravi in cui la stessa nostra vita sia in pericolo, compiendo così gravissimi soprusi da
                                            Pag. 2




parte della stessa categoria e Ordine, allo stesso modo tutti i veterinari hanno obbligo di non soccorre i nostri cani, oppure, di compiere il loro intervento in modo non adeguato, in modo
da creare, comunque, danni gravissimi, presentandoci, al tempo stesso, parcelle degna di nota e sicuramente non dovute, visto l'inganno posto in essere volontariamente, anche se non dovuto dalla volontà del veterinario protagonista di ogni vicenda, ma obbligato dal coinvolgimento di Ordini ricevuti da autorità!

NOTIFICHIAMO
 
anche le percosse subite da Alessandra, da parte del veterinario Marco Biletta della struttura veterinaria di Francolino (FE) “Clinica Estense”: dopo aver fissato appuntamento telefonico, al nostro arrivo si rifiutò di visitare il cane, oramai morente, e di effettuare una radiografia. Dopo aver insistito visto le condizioni del cane,
il veterinario Biletta si mostrò aggressivo colpendo senza nessuno scrupolo e senza esitazione.
 
E’ PALESE l’accanimento vergognoso, smodato, inqualificabile, ossessivo nei confronti della nostra famiglia.
E’ molto strano che una famiglia tranquilla, unita e onesta come la nostra,
subisca di continuo atti cruenti, intimidatori, denunce false atte unicamente all'estorsione con metodiche di intimidazione, maltrattamenti, dimostrazioni di odio assolutamente inappropriato, immeritato e inspiegabile! E’ evidente che esiste un sottobosco di illegalità omertate, nei confronti della famiglia Gandini, in quanto non ha mai avuto frequentazioni strane, ambigue o di malaffare ma, nel contempo, è sempre stata VITTIMA! E per questo osteggiata e vilipesa!

Da notare ancora che, gli stessi articoli previsti dalla Costituzione Italiana nei confronti di tutti i cittadini in eguale misura, non siano mai stati applicati nei confronti della famiglia Gandini: in nessun caso e mai per proteggere la sicurezza di una famiglia indifesa e isolata proprio per renderla inerme, debole e sola contro una totale, infinita OMERTA’
 
NOTA DI RILIEVO n. 2:
Anche presentando le nostre denunce alla Procura non abbiamo avuto supporto. Ogni nostra denuncia, seppur corredata da fatti e documenti eloquenti, veniva solitamente archiviata.

                                         Pag. 3



 
NOTA DI RILIEVO n.3:

Tutti i nostri sei cani sono stati avvelenati e uccisi a distanza di anni, di luoghi e di case: in una lunga sequenza di morte e crudeltà; uno dopo l’altro.
 
In queste zone, luoghi e case, NESSUN altro cane è mai stato avvelenato o ucciso; NESSUN altro cane ha mai subito quanto hanno subito i nostri.
Segno evidente di VENDETTE E RICATTI.
Per noi, per la nostra famiglia, la perdita cruenta dei nostri cani ha rappresentato e rappresenta ancora oggi, causa di profondo dolore, poiché hanno sempre fatto parte del nostro nucleo familiare.
A tutti loro abbiamo dedicato rispetto e amore.
Accludiamo i seguenti documenti:
1)
Mail inviata all’istituto di igiene di Ferrara, a.u.s.l., dott.ssa Chiara Berardelli, in data 01/07/2010, per segnalare le continue uccisioni dei nostri cani avvenute per avvelenamento.

 
2)
Denuncia presentata presso la stazione dei carabinieri di Ferrara, Via Del Campo 40, anno 2002, per l'uccisione del nostro cane di razza "Bassotto", Romy, avvenuta per avvelenamento da topicida.

3)
Referto del 07/06/02 redatto dal veterinario Mauro Bolognesi di Ferrara, attestante l'avvelenamento da topicida del nostro cane Romy.

4)
Referto del 06/12/03 redatto dal veterinario Mauro Bolognesi di Ferrara, attestante l'avvelenamento del nostro cane razza "Beagle", Brenda.

 

                                           Pag. 4








5)
Referto del 29/10/04 redatto dal veterinario Mauro Bolognesi di Ferrara, attestante l'avvelenamento da topicida di Brenda, razza "Beagle".

6)
Referto del 05/04/06 redatto dal veterinario Mauro Bolognesi di Ferrara, attestante l'avvelenamento da topicida di Brenda, razza “Beagle".

7)
Referto del 04/11/2009 redatto da "L'Ospedale Degli Animali" di Ferrara, dirigente sanitario dott. David Francesco Giraldi, attestante l'avvelenamento da dicumarinici (topicida) di Brenda, razza "Beagle".

8)
Mail da me inviata all' Ordine dei medici veterinari in data 11/04/2011, come reclamo, a seguito delle cure inadeguate praticate ai cani della nostra famiglia.

9)
Indirizzo del Video girato personalmente da Alessandra.
Al fine di testimonianza e difesa, riguardo alla vicenda che mi ha vista vittima di percosse da parte del veterinario Marco Biletta, all'interno della struttura di Francolino, attualmente
visibile sul social "YouTube" all'indirizzo Internet:
https://www.youtube.com/watch?v=byG0DPOGU6M
Premetto che posso disporre del video anche su supporto dvd.


                                            Pag. 5



  Pertanto, dopo aver spiegato brevemente i fatti, sporgiamo:

                                DENUNCIA QUERELA
Nei confronti di chiunque si sia reso colpevole dei fatti e dei reati ravvisati alla narrativa.
Chiediamo inoltre di essere avvisati della conclusione delle indagini preliminari nonché nell’ipotesi di cui all’art. 408 e 411 c.p.p.


Alessandra Gandini
Alessandro Gandini

               Mirabello (Ferrara)


                                          Pag. 6
DOCUMENTI ACCLUSI ALLA DENUNCIA:

Mail inviata all’istituto di igiene di Ferrara, a.u.s.l., dott.ssa Chiara Berardelli, in data 01/07/2010, per segnalare le continue uccisioni dei nostri cani avvenute per avvelenamento.


Denuncia presentata presso la stazione dei carabinieri di Ferrara, Via Del Campo 40, anno 2002, per l'uccisione del nostro cane di razza "Bassotto", Romy, avvenuta per avvelenamento da topicida.


Referto del 07/06/02 redatto dal veterinario Mauro Bolognesi di Ferrara, attestante l'avvelenamento da topicida del nostro cane Romy.


Referto del 06/12/03 redatto dal veterinario Mauro Bolognesi di Ferrara, attestante l'avvelenamento del nostro cane razza "Beagle", Brenda.

Referto del 29/10/04 redatto dal veterinario Mauro Bolognesi di Ferrara, attestante l'avvelenamento da topicida di Brenda, razza "Beagle".

Referto del 05/04/06 redatto dal veterinario Mauro Bolognesi di Ferrara, attestante l'avvelenamento da topicida di Brenda, razza “Beagle".

Referto del 04/11/2009 redatto da "L'Ospedale Degli Animali" di Ferrara, dirigente sanitario dott. David Francesco Giraldi, attestante l'avvelenamento da dicumarinici (topicida) di Brenda, razza "Beagle".

 
Mail da me inviata all' Ordine dei medici veterinari in data 11/04/2011, come reclamo, a seguito delle cure inadeguate praticate ai cani della nostra famiglia.



L'ITALIA E' UNA DITTATURA (E NEANCHE TANTO OCCULTA)!
Sequestri di persona operati con trattamenti sanitari forzati. Abusi di Potere. Torture psicologiche. Torture farmacologiche. Soprusi imposti con la forza, mascherati da trattamenti sanitari. Tutto causato, imposto e secretato nell'omertà: da parte delle autorità, politici, forze dell'ordine e cittadini industriati e collaborativi.




"In Italia imperano IPOCRISIA, COMPLOTTI, CRIMINALITA' E OMERTA', e tutto questo è prodotto su ORDINI DI MAFIA-DITTATURA (autorità e politici).
La famiglia Gandini di Ferrara, massacrata nell'ingiustizia e nel SILENZIO DI TUTTI, non è solo TESTIMONE dell'atroce vissuto, che ancora oggi subisce, ma rappresenta una ferita viva, sempre aperta sul presente e sul futuro di ogni cittadino!"
(Alessandra Gandini)


DA FACEBOOK:
Gigi Rizzi: " DOBBIAMO TUTTI LEGGERE IL BLOG DENUNCIA DELLA FAMIGLIA GANDINI, CERTE VERITA' NON POSSONO ESSERE IMPUNEMENTE NASCOSTE!"


 

Link ai post in Riferimento:
Clikka sulle immagini.
http://famigliagandini.blogspot.it/2016/11/il-veterinaro-marco-marzola-si-e.html
giovedì 15 dicembre 2016
IL VETERINARIO MARCO MARZOLA SI E' COSTITUITO PARTE CIVILE CONTRO DI ME: VUOLE 10.000,00 EURO!
 
 
 
 
http://famigliagandini.blogspot.it/2014/10/sconvolgente-oggi-pomeriggio-sono-stata.html
domenica 12 ottobre 2014
SCONVOLGENTE! OGGI POMERIGGIO SONO STATA AGGREDITA E PICCHIATA DAL VETERINARIO DELLA CLINICA VETERINARIA ESTENSE di Francolino (Ferrara). Mi riservo aggiornamenti.
 
 
 
 
http://famigliagandini.blogspot.it/2014/10/veterinari-e-mafia.html
venerdì 24 ottobre 2014 
VETERINARI E MAFIA.
 
 
 
 
http://famigliagandini.blogspot.it/2011/10/sei-cani-barbaramente-uccisi.html
lunedì 31 ottobre 2011
SEI CANI BARBARAMENTE - UCCISI - !!! Avvertimenti di MAFIA !
 
 
 
 
http://famigliagandini.blogspot.it/2012/10/nuove-minacce-mafiose-e-riflessioni.html
venerdì 5 ottobre 2012
NUOVE MINACCE MAFIOSE E RIFLESSIONI PERSONALI.
I VETERINARI: Paola Michelini nativa di Ferrara con ambulatorio in provincia di Bologna, Albrizio con ambulatorio a Vigarano Mainarda (Ferrara), Andrea Poli di Ferrara.

 
 
 
 
 
 


 
 

 

 

 
 




Nessun commento:

Posta un commento